Cantine emergenti: Eleano, i poeti dell’Aglianico del Vulture

Nel panorama vitivinicolo italiano del nostro sud, la Basilicata, è la regione, a nostro modo di vedere, con il più alto potenziale enologico ancora in parte inespresso. Un sorta di “bomba ad orologeria” del vino, che anno dopo anno, con una crescita costante ed inarrestabile porta a casa dei risultati in termini di qualità davvero eccellenti. I terreni di questa zona regalano un vino che è la sintesi di potenza e finezza, eleganza e morbidezza. Stiamo parlando, l’avrete capito, dell’Aglianico del Vulture, prodotto meraviglioso che non a torto è stato chiamato “il Barolo del Sud”. Tra le realtà emergenti vi è sicuramente la piccola azienda agricola Eleano a Rionero in Vulture (PZ). Questa piccola cantina condotta in maniera molto diligente e professionale da Francesca Grieco e Alfredo Cordisco è la rapida sintesi di quanto andavamo dicendo. I loro vini (ma sarebbe più corretto chiamarli “nettari”), sono il frutto di un lavoro vero di vignaioli, dove il controllo attento dell’intero processo produttivo è ancora sinonimo di alta qualità. L’ammiraglia dell’azienda è rappresentato proprio dal vino che porta il nome dell’azienda, Eleano appunto, annata 2005, che ha dalla sua un calore ed una rotondità cosi avvolgenti da renderlo un vino davvero meraviglioso, un consiglio, procuratevi qualche bottiglia e….”dimenticatevele” in cantina perchè questo è un vino che non ha davvero paura di invecchiare. Non è da meno il suo fratello “Dioniso”, un pò più giovane (annata 2006) e per questo più fresco e meno imponente ma altrettanto emozionante. In entrambi i casi il sapiente uso del legno (botti di rovere da 10 hl e non barriques), vanno ad imprezziosire il bouquet di questi due prodotti senza stravolgerne la loro essenza.   Da pochissimo poi, la gamma dell’azienda si è arricchita di un’altro prodotto a base di uve aglianico, il “Teseo”, che ha tutte le potenzialità per raggiungere i risultati dei due fratelli maggiori ma che per la sua giovanissima età (annata 2009), non ha ancora espresso il meglio di sè. Infine l’azienda produce, uno dei migliori vini da dessert di tutto il sud, secondo noi. “Ambra” è il suo nome e Moscato è la sua uva che viene portata a surmaturazione regalando grandissime sensazioni. Prodotto in limitate quantità questo vino è la perfetta sintesi di queela categoria di vini che si definiscono “da meditazione”.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Cantine emergenti: Eleano, i poeti dell’Aglianico del Vulture

  1. Dato che in questo articolo si parla della Basilicata che è terra ricca di grandi prodotti come il vino, l’olio, la frutta oltre al ben più conosciuto petrolio, potrebbe interessarvi avere notizie di altri vini lucani di una piccola cantina ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *