Sicilia en primeur 2012 – Partiamo dai bianchi

Anche quest’anno è arrivato il tempo dei vini siciliani e di Sicilia en primeur. Cominciamo subito con una serie di degustazioni in diretta. Poi tra oggi e domani parleremo di aziende e produttori. Veniteci a trovare spesso sul blog.
Cominciamo con Occhipinti, Sp68 bianco 2011 – Albanello e moscato – decisamente un vino inusuale nel panorama siciliano che gioca su sentori balsamici.
Barone di Villagrande Etna bianco superiore 2011, carricante 100%, sapido e fresco, da provare.
Graci Quota 600 bianco sorprende in bocca per un sapore agrumato molto piacevole e persistente.
Baglio di Pianetto Ginolfo è un viogner, vitigno francese ormai impiantato stabilmente in Sicilia, Filicino è un blend viogner-insolia che gioca sui profumi dell’insolia e sulla struttura del viogner.

20120421-102229.jpg

Caruso e Minnini propone Isula, 100% catarratto, e il Timpune, 100% grillo.
Anthilia di Donnafugata è una inossidabile conferma. Ogni anno un porto sicuro, ne parleremo su BBS quanto prima.
Da provare lo Chardonnay di Cusumano, insolitamente poco carico e beverino per essere siciliano.
Pietramarina di Benanti: un grande vino, come sempre. Degustazione del 2007. In commercio dovrebbe esserci già il 2008. Opulento ma perfettamente equilibrato lo Chardonnay di Principi di Butera.
Cercate un bell’inzolia con la Z? Quello di D’Alessandro fa per voi. Il grillo poi ha una acidità spiccata: perfetto per l’estate: bravi, bravissimi.
Particolarissimo ma da provare assolutamente il carricante di Tenuta di Fèssina A’Puddara 2010. Ottimo anche il Nakone, chardonnay di grande freschezza ed equilibrio.
Si candida a sorpresa dell’edizione 2012 il Salina bianco di Barone di Villagrande: malvasia delle Lipari e rucignola. Intrigante coi profumi e perfettamente equilibrata la feschezza in bocca. Ottimo davvero.
Intrigante il Carricante di Planeta con la sua parte di riesling che dona complessità a un vitigno che già di suo ne ha.
Tasca d’Almerita da applausi con un Leone 2011 davvero eccellente: fresco, leggero e, soprattutto, siciliano. Buonissimo anche il Le Bianche 2010, tutto internazionale: viogner, semillon e sauvignon blanc.
s.b. 

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *