In vendita la villa dell’etichetta del Chianti classico di Antinori

Villa antinori chianti classico riservaLa sua bella facciata appare sull’etichetta di uno dei vini che ha fatto la storia del Chianti classico nel mondo: è Villa Antinori di Monte Aguglioni, a Scandicci. Appartenuta ad una delle grandi famiglie toscane del vino dalla fine dell’Ottocento fino a metà del secolo scorso, Villa Antinori di Monte Aguglioni è in vendita con un prezzo di oltre 20 milioni. L’edificio, che si trova a soli 5 chilometri da Firenze, è ricco di storia. Dal 1498 al 1517 fu proprietà della potente famiglia Del Giocondo a cui appartenne la celebre Monna Lisa, moglie di Francesco del Giocondo, detta appunto La Gioconda, ritratta da Leonardo Da Vinci intorno al 1505. Da qui sembra che venisse Baldo d’Aguglione, giurista e uomo politico fiorentino, contemporaneo di Dante, che il Sommo Poeta cita due volte nella Divina Commedia come il “villan d’Aguglion”. Fu, infatti, il d’Aguglione a emettere la sentenza, il 2 settembre 1311, che  escluse Dante dall’amnistia, impedendogli il rientro in Patria dall’esilio.

L’aspetto attuale della villa e del giardino si deve alla Marchesa Nathalie Antinori che all’inizio del XX secolo la rinnovò, aiutata dal fratello Egisto Paolo Fabbri, architetto, artista, ma soprattutto grande collezionista di Cézanne, di cui arrivò a possedere ben 32 dipinti di altissima qualità.

Chiati Classico Antinori 1994Si accede a Villa Antinori attraverso un viale di cipressi che giunge fino al giardino all’italiana, progettato dall’architetto inglese Cecil Pinsent, che fa parte di un parco di 27 ettari.

Villa Antinori di Monte Aguglioni è una proprietà di grande prestigio, che comprende un edificio principale di 2.800 mq, una cappella a pianta ottagonale, la casa del custode e svariati edifici a uso agricolo tra cui tre limonaie per un totale di 3.700 mq. La villa è in perfetto stato di manutenzione e gli interni, oltre che elegantemente arredati, sono organizzati in modo funzionale per vivere al meglio in quest’angolo di paradiso.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *