Una nota di classe dall’Oltrepò: Spumante Classese di Quaquarini

A distanza di qualche settimana abbiamo deciso di ritornare in Oltrepò per presentarvi un prodotto che già nella rassegna “Oltrevini” di Casteggio ci aveva sorpreso  a tal punto che prima di parlarne abbiamo deciso di fare un secondo riassaggio per confermare o smentire l’ottima impressione della prima volta. Stiamo parlando dello spumante brut “Classese” dell’azienda agricola Quaquarini di Canneto Pavese (PV), ottenuto da uve 100% di Pinot nero. Il secondo riassaggio è andato ancora meglio del primo, convincendoci ancor di più di trovarci davanti ad una gran bella bottiglia. Dell’Oltrepò abbiamo già raccontato, parlando dei suoi tanti pregi e dei suoi molteplici difetti e francamente uno spumante di questo livello  da questa zona non c’è l’aspettavamo proprio. Innanzitutto va detto che, a fare la differenza è la cura che l’azienda ha messo nella vinificazione di questo metodo classico, i 64 mesi di permanenza sui lieviti infatti conferiscono un corpo ed una struttura davvero notevoli. Alla vista si presenta di un bel colore giallo brillante ed il perlàge fine e continuo. Al naso si riconoscono i decisi sentori fruttati di ananas, mela, pera e pompelmo. Passando alla terza ed ultima valutazione, quella gustativa, troviamo questo vini di ottima freschezza ed effervescenza ma al contempo equilibrato e di buona alcolicità. Ottimo come aperitivo e in abbinamento a gamberoni e crostacei in genere. Da segnalare che da quando abbiamo inaugurato il nostro blog, per la prima volta parliamo di un prodotto reperibile anche nei supermercati e nella grande distribuzione, ci sembrava doveroso vista la grande qualità in rapporto ad un prezzo davvero eccellente.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Una nota di classe dall’Oltrepò: Spumante Classese di Quaquarini

  1. Gentile Signor Antonio, dell’Abruzzo nè abbiamo parlato a febbraio dedicando due articoli e presentando due montepulciano davvero notevoli. Sicuramente, in futuro torneremo a parlare di questa meravigliosa terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *