Lo chardonnay 2005 barrique dei Fratelli Barollo

A meno di una settimana dalla fine di Vinitaly (fiera che si svolge a Verona e dove vengono presentate tutte le novità del settore), abbiamo deciso di dedicare una serie di articoli monografici a quei vini e/o a quelle aziende che più ci hanno colpito ed impressionato. La prima puntata la vogliamo dedicare allo Chardonnay, annata 2005,dei Fratelli Barollo di Preganziol (TV). La cantina dei due giovanissimi produttori Nicola e Marco ha davvero creato un prodotto di grandissima qualità e finezza. Il vino si presenta di un bel colore giallo paglierino carico e ruotando il liquido nel bicchiere possiamo anche constatare una bella consistenza resa possibile dalla buona dose di glicerina presente nel vino.Al naso  si percepiscono molto netti profumi di fiori d’arancio e frutta esotica matura insieme a note di burro e vaniglia, quest’ultimo sentore derivato anche dal sapiente uso che è stato fatto della barrique. Questo vino, infatti lo potremmo portare ad esempio quando cerchiamo di spiegare quanto e come è importante saper usare bene la barrique per far crescere ed evolvere il vino che intendiamo produrre senza stravolgere la sua natura. In questo caso, possiamo dire che la piccola botte ha fatto da vero, corretto ed inteligente complemento nella maturazione di questo prodotto.  La sintesi di questo discorso,  si traduce poi una volta che il vino arriva in bocca,  rivelando una eccezionale  morbidezza  e presentandosi caldo e di buona alcolicità. In cucina non faremo certamente fatica ad abbinarlo a formaggi di media stagionatura ed a carni bianche di buona sapidità. Abbiamo avuto modo di assaggiare anche gli altri bei prodotti ( da segnalare il Pinot Grigio ed il Merlot), di questa cantina e  riteniamo che se le basi di questa azienda sono queste non sarà davvero difficile prevederne un grande futuro. Per ogni informazione potete visitare direttamente il sito dell’azienda che è: www.barollo.com .

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *