Ornellaia: vitigni francesi, passione italiana

Visita da Ornellaia

La vista spazia lontano e nelle giornate più limpide nel mare si arriva con facilità a vedere le isole dell’Arcipelago Toscano e la Corsica. Il collinare fissa il paesaggio e mostra la sua punteggiatura di antichi uliveti e vigneti, circondato da ettari di boschi fitti. La quercia di Bellaria rappresenta i 100 ettari di Ornellaia. Il clima mite e marittimo, i colori e gli aromi della rigogliosa vegetazione mediterranea lasciano  un’impronta  sul carattere dei vini.      

Riuscire a dare la miglior interpretazione di un territorio è la missione di Ornellaia. E per scoprire se l’obiettivo è stato raggiunto basta stappare una bottiglia di Ornellaia 2014. Lo chef della tenuta lo serve in abbinamento con un filetto “alla vecchia maniera”, marinato nelle erbe del territorio, cucinato con una doppia cottura e avvolto nel lardo accompagnato da patate novelle e pomodorini con scaglie di grana. 

La cantina delle barrique dipinte di rosso vino ha un che di mistico, con le luci soffuse che si riflettono nell’opera d’arte “L’Energia” di Rebecca Horn, il pavimento anch’esso rosso e il profumo che porta alla mente proprio il momento della vendemmia fanno pensare di trovarci in un santuario. Quasi dieci anni fa la prima edizione di “Vendemmia d’Artista” un progetto culturale dove l’arte contemporanea internazionale interpreta il carattere differente di ogni annata del vino Ornellaia. 

Non solo barrique ma in altre aree della cantina ci sono anche tini in acciaio e vasche di cemento. La precisione, l’attenzione e la conoscenza di chi lavora tra i filari la si ritrova anche nella cantina, nulla è lasciato al caso. Tutto è studiato, programmato. 

Acquistare il vino qui non è possibile, solo in ristoranti ed enoteche selezionate. Si può però visitare la tenuta con, a seguire, degustazione. Per prenotarsi bisogna andare sul sito dell’azienda. Impossibile concludere la nostra esperienza senza un bicchiere di Ornellaia, anzi quattro…. 

Ornellaia 2014 L’Essenza prezzo a scaffale 160,00 euro
34% Cabernet Sauvignon, 32% Merlot, 14% Cabernet Franc e 20% Petit Verdot 
Ciò che colpisce in particolare è l’elevata qualità dei tannini al palato: setosi, raffinati, senza spigolosità 

Ornellaia 2014 Bianco prezzo a scaffale 160,00 euro
74% Sauvignon Blanc – 13% Viogner – 13% Petit Manseng
All’olfatto si sviluppano sentori floreali in particolare il gelsomino, bastano pochi minuti e il vino si apre con profumi di frutta esotica. Incredibilmente vellutato sul palato con una spiccata mineralità

Ornellaia 2012 L’Incanto prezzo a scaffale 180,00 euro
56% Cabernet Sauvignon, 27% Merlot, 10% Cabernet Franc e 7% Petit Verdot
Un colore rubino intenso, all’olfatto note speziate come pepe e liquirizia Al palato è rotondo e privo di spigoli, con un tannino levigato.

Ornellaia 2011 L’Infinito prezzo a scaffale 200,00 euro
51% Cabernet Sauvignon, 32% Merlot, 11% Cabernet Franc, 6% Petit Verdot
All’olfatto si nota un frutta intensa, pienamente matura come more e ciliegie, delicate note balsamiche e tostate. Riempie il palato, corposo con una struttura tannica imponente
Tiziana Sapienza

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Ornellaia: vitigni francesi, passione italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *