Corteaura, la passione per il metodo classico in Franciacorta

Corteaura è una giovane realtà della Franciacorta nata dalla passione della famiglia Fossati per le bollicine. Pur di origine veneta, dopo lunghe ricerche del “terroir perfetto” per il metodo classico, il giovane Federico nel 2009 approda nel bresciano. Dall’incontro con l’enologo Pierangelo Bonomi, che questo territorio conosce bene, nasce una cantina che ha come obbiettivo quello di creare metodo classico di grande qualità. Il simbolo scelto per rappresentare la cantina è non a caso la tartaruga, animale lento e longevo a sottolineare la cura di ogni dettaglio in cantina, i lunghi affinamenti e la volontà di esprimere nei vini una piacevolezza duratura nel tempo.

Filosofia che si riversa a pieno nei vini. Ecco quelli che abbiamo provato:

Il Brut (chardonnay 100%) è un vino elegante da tutto pasto dalle note fragranti. È fresco con una lunga nota gessosa.

Il Saten (chardonnay 100%) è come da manuale cremoso e morbido. È il più “facile” dei vini ma ha comunque struttura e una lunga persistenza balsamica e fresca.

Il Rosé (pinot nero 70% e chardonnay 30%) è un vino che ci è piaciuto moltissimo. Ha un colore tenue di buccia di cipolla e una bolla finissima. Al naso ha sentori di piccoli frutti rossi, è allo stesso tempo elegante, piacevole e strutturato. Ottimo secondo noi da accompagnare a una zuppa di pesce!

Il Pas Dosé (chardonnay 80% e pinot nero 20%) è elegante, fine, verticale, dalle piacevoli note tostate. Un vino equilibrato, freschissimo che accompagneremmo volentieri a crostacei o crudi di mare.

Vini eleganti, puliti, accomunati dalla grande bevibilità e allo stesso tempo da una buona struttura. Bollicine anche per chi volesse scoprire il piacere di bere un buon metodo classico non solo come aperitivo ma anche pasteggiando.

Raffaele Cumani 
@RaffaeleCumani

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Corteaura, la passione per il metodo classico in Franciacorta

  1. Che articolo banale…praticamente ci state dicendo che questa cantina non offre niente di nuovo ne di meritevole menzione nel già ampio panorama delle aziende Franciacortine. Era semplicemente una marchetta per questa azienda “Corte Aurea”

    • Caro Leonardo, come vede abbiamo pubblicato la sua critica senza problemi libero di pensarla come crede ma se pensa a una marchetta le assicuro che non è così… i vini mi sono proprio piaciuti. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *