Avvinando consiglia: vini rosati e rossi (e non solo) per le vacanze estive

iStock

L’estate, si sa, viene associata comunemente alle bollicine e ai vini bianchi. Vi abbiamo già dato in questo senso i nostri consigli per le vacanze che trovate qui. Noi di Avvinando crediamo però che anche col caldo non si debba per forza rinunciare ai rosati, che anzi sono ottimi alleati in questo periodo dell’anno, e ai rossi. Basta scegliere quelli giusti e berli ad una temperatura di cantina, sfatando il luogo comune che il rosso vada per forza bevuto a temperatura ambiente.

Ecco dunque i nostri suggerimenti. Lo ripeteremo fino alla noia, non è una classifica né una guida completa all’Italia del vino, quindi sì, mancherà qualche territorio di cui non abbiamo assaggiato i vini nelle ultime settimane. Continua a leggere

Pasqua 2022: ecco i vini da abbinare ai menu pasquali

iStock

Come ogni anno è arrivato il momento di festeggiare la Pasqua e come sempre noi di Avvinando vi proponiamo una selezione di vini per completare i vostri menu. Vale sempre la premessa che si tratta di assaggi fatti negli ultimi mesi che ci hanno colpito senza la pretesa di coprire tutte le regioni italiane o tutte le tipologie di vino con buona pace dei campanilismi enologici più sfrenati! Continua a leggere

Valpolicella, i produttori scommettono sul Superiore

Interessante operazione quella dal Consorzio tutela vini Valpolicella, la messa in discussione di un territorio attraverso la raccolta dei riscontri dei produttori e del confronto con i principali attori mondiali del vino. Su Avvinando vi avevamo già anticipato diversi temi, il ‘Valpolicella Superiore – A Territory Opportunity’ è stata l’occasione digitale per raccontare agli addetti ai lavori il sentiment comune che si respira nella zona veronese. Continua a leggere

Valpolicella Superiore – A Territory Opportunity, a Verona è tempo di vini di territorio

La Valpolicella è una delle grandi zone vitivinicole d’Italia e negli ultimi anni vi abbiamo spesso parlato della crescita del territorio e dei suoi vini. Nel 2021, a seguito della pandemia, il Consorzio Tutela Vini ha deciso di puntare sempre più sul digitale e continuare con ancor maggior decisione sulla comunicazione del territorio attraverso tutti i suoi vini. La scorsa Valpolicella Annual Conference, evento che ha fissato l’asticella dei webinar e delle degustazioni online con campioni, bicchieri e materiali in grado di raggiungere gli operatori del settore del globo a casa propria, ha forse rappresentato il punto di partenza di questa accelerazione. Continua a leggere

Anteprima Amarone 2016, quindici vini che ci hanno colpito

Anche quest’anno siamo stati a Verona ad Anteprima Amarone e abbiamo assaggiato per voi en primeur i vini dell’annata 2016.

Il Re della Valpolicella, secondo l’indagine Nomisma Wine Monitor, cresce sia sui mercati esteri che in Italia rispetto al 2018 in un’annata non facile per il commercio internazionale di vino. 

Continua a leggere

Sette vini per un compleanno

Guardando il bicchiere mezzo pieno, una consolazione piacevole al passare degli anni è che un compleanno può essere l’occasione di aprire qualche bottiglia interessante. Così insieme a un bel gruppo di amici fidati, dal fiuto sviluppato e dalle papille curiose abbiamo improvvisato, in modo assolutamente randomico, una degustazione di un po’ di bottiglie che avevamo in cantina senza averle ancora assaggiate. Continua a leggere

Inter-Bologna con i vini de La Collina dei Ciliegi

lounge3
Il calcio e il vino sono da sempre due passioni profondamente italiane che è un vero piacere poter accostate. Noi l’abbiamo fatto grazie all’invito a San Siro in occasione della partita fra Inter e Bologna da parte della Collina dei Ciliegi, importate azienda vinicola del veronese. Va ammesso subito che chi scrive è, purtroppo visto il risultato, tifoso del Bologna.

Continua a leggere

Anteprima Amarone 2012, il trionfo delle differenze

A Verona la tredicesima edizione di Anteprima Amarone dedicata all’annata 2012 ci ha regalato la suggestione di un prodotto che piace sempre di più all’estero (il 60% della produzione finisce oltreconfine) e anche parlando con i produttori si percepisce chiaramente la propensione all’export della Valpolicella, fatta di aziende dinamiche e di carattere fortemente imprenditoriale. Ma queste cose le sappiamo tutti, il Veneto non per niente è una delle principali locomotive dell’Italia. Più interessante in questa sede è capire come è l’annata 2012. Intanto dobbiamo dire che oltre la metà delle 78 bottiglie in degustazione erano campioni prelevati da botte, ergo pronti ma non prontissimi. Quindi parliamo di vini giovanissimi (4 anni di invecchiamento sono il minimo sindacale) che evolveranno molto nel tempo e diventeranno – spesso – alquanto diversi. Continua a leggere